Umbria: un piccolo cuore per un grande viaggio

u

Il prodotto della terra più prezioso. Bianco o nero pregiato protagonista in cucina.

La storia del tartufo affonda le radici  a 3000 anni prima di Cristo, quando i Re Babilonesi ricercavano questo frutto prelibato tra le sabbie del deserto.  L’attività di raccolta ora è organizzata dai cosiddetti tartufai  con i loro segreti tramandati da generazioni, con  i fedeli  cani da tartufo ed i loro sentieri nascosti nei boschi di querce, di pioppi e di lecci. A creare le condizioni non solo la fecondità dei boschi  ma anche l’accuratezza ed il profondo rispetto per l’ambiente con cui avviene l’attività di raccolta. Il tartufo si trova in tante zone in Umbria  ed è protagonista  per una gamma molto vasta di piatti raffinati  ma molto usato anche in gustose ricette popolari  : crostini, spaghetti al tartufo, frittata e filetto ai tartufi, trota ed insalata tartufata. Ma bisogna lasciarsi coinvolgere  nelle feste, nelle mostre e nelle sagre che hanno un sapore unico , frequentare i mercatini tipici , soffermarsi in un laboratorio artigiano , cercare altri prodotti tipici come miele , marmellate , farro , funghi , olio , norcinerie , formaggi, cipolle, lenticchie etc.

2 giorni 1 notte
Itinerario di 2 giorni 1 notte
1° giorno: CITTA’ DI CASTELLO
Arrivo a Città di Castello e trasferimento in una zona di raccolta del tartufo dove un tartufaio , con il suo cane , guiderà i partecipanti in una passeggiata tra boschi e prati durante la quale illustrerà i sistemi e le tecniche di raccolta di questo prezioso frutto. Cena/Degustazione , naturalmente a base di tartufo bianco con l’assistenza di un enogastronomo ,  in un ristorante  caratteristico con il seguente menù : antipasto di bruschetta , crostini , frittatina al tartufo ,  risotto al tartufo ; tagliata al tartufo,  contorni di stagione,  dolce ai frutti di bosco . Pernottamento .
2° giorno: NORCIA
Prima colazione e partenza per Scheggino per la visita ad una azienda per la lavorazione del tartufo.  Trasferimento poi a Norcia e dopo una breve passeggiata nel centro storico pranzo in ristorante con degustazione di specialità a base di tartufo nero pregiato con il seguente menù: lenticchie di Castelluccio e crostini al tartufo, tagliatelle al tartufo e pappardelle alla norcina, agnello scottadito e trota tartufata, contorni di stagione,  dolcetti e vinsanto.
Rientro.