Umbria: un piccolo cuore per un grande viaggio

Itinerari Culturali - Archeo Umbria

Dentro la Storia attraverso grandi testimonianze.

Quella Umbra, quella Etrusca e quella Romana sono le tre grandi civiltà che hanno contrassegnato la storia antica dell’Umbria. È  certo che fin dalle epoche più remote il nome Umbri fosse usato in riferimento agli abitanti di una vastissima zona tra il Po e il Tevere, come testimoniano gli storici greci. Le sette tavole di bronzo di Gubbio, che con i loro contenuti costituiscono l'unico accesso alla civiltà degli antichi Umbri, si trovano esposte nella cappella del  Palazzo dei Consoli a Gubbio, sede del Museo Comunale.  A partire dall'VIII secolo a.C. gli Etruschi  affermano  la loro civiltà in un'area denominata Etruria, corrispondente alla Toscana, all'Umbria fino al fiume Tevere e al Lazio settentrionale, con propaggini in Campania e verso la zona padana dell'Emilia-Romagna e della Lombardia. Sotto il dominio di Roma l’Umbria acquistò una sua unita ed una sua fisionomia storica. Gli Umbri e gli Etruschi furono pacificati dai Romani che li sottomisero rapidamente. L’episodio più clamoroso fu quello del Bellum Perusinum (40 a.C.) quando gli Umbri e parte degli Etruschi si allearono con Lucio Antonio contro Ottaviano. Lucio Antonio si rifugiò a Perugia ed Ottaviano distrusse la città che comunque per suo volere venne ricostruita e prese il nome di Augusta Perusia. Ampie tracce delle tre civiltà si possono ancora ammirare nel paesaggio urbano e rurale della regione.

Itinerario di 4 giorni 3 notti
1° giorno: GUBBIO / PERUGIA
Arrivo a Gubbio e visita della città soffermandosi sul Palazzo dei Consoli per ammirare le Tavole Eugubine, sette tavole di bronzo risalenti al primo, secondo e terzo secolo a.C. che contengono istruzioni rituali e sono rivolti ai membri della confraternita che dovevano officiare le cerimonie. Una specie di “breviario”.  Subito dopo visita del Teatro Romano  databile alla fine del I sec. a.C. e testimone del l'importanza della città raggiunta in epoca romana. Dopo aver visitato il vicino Antiquarium  pranzo. Nel pomeriggio partenza per Perugia, una delle 12 lucumonie della confederazione etrusca; l’accesso al centro storico della città è possibile tramite il sistema di trasporto pubblico Minimetrò che collega la stazione iniziale di Pian di Massiano al terminal di Pincetto. Tale sistema, la cui direzione artistica della progettazione architettonica è stata curata dall’Arch. Jean Nouvel, tra i più importanti nell’attuale panorama mondiale, rappresenta un’opera il cui stile moderno delle linee ed il particolare uso dei materiali, generano una struttura che si inserisce con leggerezza e trasparenza nel contesto della citta, entrando a far parte delle attrattive turistiche di Perugia. Visita della città ed in particolare dell’Arco Etrusco, della Porta Marzia, del Pozzo Etrusco e dell’Ipogeo dei Volumni. Cena e pernottamento.

2° giorno: SPELLO/SPOLETO
Prima  colazione in hotel e partenza per Spello con visita della cittadina con particolare riferimento ai monumenti romani: Anfiteatro, Arco di Augusto, Porta Consolare, Porta Venere. Proseguimento per Spoleto con sosta alle Fonti del Clitunno. Visita di Spoleto con particolare riferimento ai monumenti romani: Anfiteatro, Arco di Druso, tempio romano, casa romana, Ponte Romano o Sanguinario, teatro romano, Porta Fuga, antiche mura. Cena e pernottamento in hotel a Spoleto.

3° giorno: TERNI/OTRICOLI/CARSULAE/ SPOLETO
Prima  colazione e partenza per Terni e visita della città con particolare riferimento alle mura romane ed al teatro romano. Proseguimento per Otricoli, l’antica Ocricolum, dove sono visibili i resti di opere romane. Trasferimento a Carsulae, centro ricco di resti romani che ebbe grossa importanza ai tempi dell’Impero. Rientro a Spoleto per la cena ed il pernottamento .
4° giorno: ORVIETO
Prima  colazione e partenza per Orvieto con  visita della magnifica cittadina di origine etrusca con ricche vestigia dell’epoca. Fu edificata dagli etruschi sulla sommità piana di una grande rupe di tufo vulcanico. Sotto la città c'è un'altra Orvieto: una "città sotterranea" (Orvieto Underground) scavata nel masso tufaceo che si compone di cunicoli, grotte, camminamenti e pozzi di età etrusca.  Da visitare ai piedi della città la Necropoli etrusca del Crocifisso del Tufo.